Wallabies, preparate il pallottoliere

share on:
Quade Cooper Australia Rugby Championship

Per la seconda del Rugby Championship Cooper titolare

Cosa c’è di peggio dell’affrontare una squadra che ti ha appena rifilato un 42-8 a casa tua? Schierare un giocatore instabile che notoriamente soffre giocare in casa loro. Grazie Cincinnato.

Cincinnato Pulver ha appena dato la conferma formale, la “piena fiducia” dell’ARU a Cincinnato Cheika, sottinteso messaggio che la federazione sta guardandosi attorno, e l’allenatore sceglie una formazione che neanche sua mamma approverebbe.

Quade Cooper, l’Inutile (*), non ha mai giocato bene in Nuova Zelanda, paese natale che lo osteggia da quando veste il verdeoro, e si troverà a guidare una formazione priva di diversi titolari per via degli infortuni della prima partita di Bledisloe.

Maggior problema della formazione scelta da Cheika è la presenza, assieme a Cooper di Foley come secondo ricevitore. Non perché giocare con un secondo play maker sia sbagliato di per sé, anzi è una scelta nel senso giusto, ma perché l’Inutile ha bisogno di un giocatore affianco che sappia chiudere per i buchi che, inevitabilmente, lascerà. E Foley non è il giocatore fisico che può garantire tale solidità. Per fortuna che ci sono i muscoli di Samu Kerevi come centro esterno a bilanciare un po’.

Ancora capitano Moore, un giocatore che avrà pure ascesa sui suoi compagni di squadra, ma cronicamente incapace di dialogare e “leggere” l’arbitro, nell’occasione il francese Romaine Poite.

Destano perplessità anche le scelte in panchina di Mumm e Skelton in seconda linea, entrambi lenti e macchinosi, poco adatti a contrastare il gioco degli all blacks. Positivo invece l’innesto di Reece Hodge, in ascesa stellare.

Gli infortuni hanno forzato anche Hansen a operare diversi cambi, con l’esordio dal primo minuto di un altro giocatore in rapida crescita, il centro dei Chiefs Lienert-Brown.

Le formazioni

All Blacks

220px-All_Blacks_logo.svg

Wallabies

180px-Logo_Wallabies.svg

15 Ben Smith
14 Israel Dagg
13 Malakai Fekitoa
12 Anton Lienert-Brown
11 Julian Savea
10 Beauden Barrett
9 Aaron Smith
8 Kieran Read (c)
7 Sam Cane
6 Jerome Kaino
5 Sam Whitelock
4 Brodie Retallick
3 Owen Franks
2 Dane Coles
1 Joe Moody
15 Israel Folau
14 Adam Ashley-Cooper
13 Samu Kerevi
12 Bernard Foley
11 Dane Haylett-Petty
10 Quade Cooper
9 Will Genia
8 David Pocock
7 Michael Hooper
6 Scott Fardy
5 Adam Coleman
4 Kane Douglas
3 Sekope Kepu
2 Stephen Moore (c)
1 Scott Sio
Riserve: 16 James Parsons, 17 Wyatt Crockett, 18 Charlie Faumuina, 19 Liam Squire, 20 Ardie Savea, 21 TJ Perenara, 22 Aaron Cruden, 23 Seta Tamanivalu. Riserve: 16 Tatafu Polota-Nau, 17 James Slipper, 18 Allan Ala’alatoa, 19 Dean Mumm, 20 Will Skelton, 21 Nick Phipps, 22 Reece Hodge, 23 Tevita Kuridrani

(*) Inutile con la maiuscola perché tutte le cose belle, per natura, lo sono.


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.