Storm campioni della NRL

share on:
NRL Grand Final Melburne Storm

I Melbourne Storm si aggiudicano il titolo

Come da previsioni la Grand Final della NRL, Storm troppo forti per i Cowboys

Alla fine sono stati i migliori della stagione a alzare il trofeo più importante, non è riuscita la favola ai Cowboys, arrivati ai play off con l’ultimo degli otto posti disponibili e privi dell’infortunato Jonathan Thurston.

Ma la partita è stata molto più equilibrata delle previsioni e anche il primo tempo, conclusosi sul 18-0 per gli Storm è stato ben giocato da entrambe le parti.

Solo nel finale i Cowboys hanno completamente mollato e gli Storm hanno dilagato.

Primo Tempo

Ci sono voluti quasi venti minuti agli Storm per trovare il varco giusto, quando Josh Addo-Carr ha segnato dopo un’azione da 70 metri.

La squadra di Melbourne ha raddoppiato al 27′ con Kaufusi dopo un’azione partita da Cooper Cronk e finalizzata da Billy Slater.
Proprio l’estremo ha segnato poi la terza meta dei minor premiers con una finta ubriacante.

Grazie al solito inesorabile Cameron Smith dalla piazzola, il tempo si è concluso sul 18-0 per Melbourne.
I Cowboys hanno attaccato molto, ma non sono mai riusciti a bucare la difesa degli Storm e il risultato parziale, forse un po’ largo è lo specchio di quanto vistosi in campo.

Secondo Tempo

Dopo un tempo a senso unico la ripresa è iniziata con la reazione d’orgoglio dei COwboys che sono andati in meta con Te Maire Martin all’ottavo minuto di gioco dopo un buona serie di set davanti alla linea di meta degli Storm. Lowe ha messo a segno la facile trasformazione per il 18-6 che ha dato speranza al North Queensland.

 

La partita, come da previsioni si è un po’ scaldata con i Cowboys ringalluzziti dalla meta e sono arrivati un paio di placcaggi al limite del regolamento.

A mettere tutti d’accordo è arrivata al 63mo la quarta meta degli Storm, segnata da Finucane che ha spento definitivamente le velleità dei Cowboys.

Quattro minuti più tardi Scott ha varcato ancora una volta la linea di meta dei Cowboys per il 28-6. La notizia in questo caso è stata l mancata trasformazione di capitan Smith, finora, come al solito perfetto.

Con i Cowboys ormai a terra e il pubblico a invocare il nome di Cooper Cronk, gli Storm hanno segnato la sesta meta con Addo-Carr, alla seconda segnatura personale, a seguito di un’azione corale da manuale.

Il tabellino

Melbourne Storm 34 (18):
Mete: Addo-Carr (2), Kaufusi, Slater, Finucane, Scott
Trasf.: Smith 5/6

North Queensland Cowboys 6 (0):
Mete: Martin
Trasf.: Lowe


Also published on Medium.

Commenti

1 Comment

Rispondi