Rebels – Jaguares: la cronaca

share on:

Secondo tempo

I Rebels continuano a commettere falli evitabili e un fuorigioco di Mafi regala altri 3 punti a Sanchez che al 44° accorcia le distanze sul 14 – 6.

Da una mischia in mezzo al campo nasce la terza meta dei Rebels: la piattaforma è perfetta, Genia raddoppia Meaks che gli serve una palla al bacio; il mediano arriva ben dentro i 22 e passa la palla all’accorrente Haylett- Petty che schiaccia in meta. Debreczeni non trasforma e al 49° i Rebels allungano sul 19 – 6.

La risposta degli argentini non si fa attendere e recuperano la palla direttamente da calcio di inizio. La difesa dei Rebels pare un po’ addormentata e permette ai Jaguares dei facili passaggi al largo che vengono finalizzati dall’ala Cancelliere, bravo a schiacciare in mezzo ai pali. Sanchez trasforma e i Jaguares si fanno sotto sul 19 – 13 al 51°.

Gli ospiti non si fermano qui e prima costringono i Rebels a giocare in 14 a causa dei falli ripetuti (punito Faulkner), poi vanno in meta di potenza grazie all’ala Moyano dopo una buona trama impostata dai trequarti. Sanchez manca il calcio ma i Jaguares si portano sul 19 – 18 al 57°.

I Rebels avrebbero la possibilità di marcare 3 punti, ma il piede di Debreczeni finisce sul palo non punendo l’indisciplina argentina. La recidività dei Jaguares dà però un’altra chance all’apertura dei Rebels che al 65° non sbaglia da posizione difficile portando i suoi sul 22 – 18.

Invece di continuare a spingere per cercare altri punti, i Rebels si rinchiudono nella propria metà campo smettendo di giocare ed essere pericolosi. I Jaguares ne approfittano e spingono sull’accelleratore, costringendo i padroni di casa a commettere falli evitabili. A peggiorare la situazione ci pensa il subentrato Ruru che si fa stoppare un calcio da Senatore all’interno dei propri 22. Gli argentini spostano il pallone al largo e il tocco di Sanchez è magico, il pallone arriva ad Ezcurra che si tuffa in meta. L’apertura dei Pumas è bravo a trasformare da posizione difficile, mandando i suoi in vantaggio per la prima volta sul 22 – 25 al 75°.

 

Nei minuti finali  i Rebels si riversano nella metà campo avversaria mettendo insieme un’azione da più di 25 fasi, da cui nasce un calcio comodamente piazzabile da in mezzo ai pali. Capitano Coleman, dopo essersi consultato con la squadra, decide di andare per la mischia provando a vincere la partita. La scelta di carattere però non si rivela felice, in quanto gli argentini mettono grossa pressione al pack dei padroni di casa, facendo uscire un pallone sporco che Ruru è costretto a raccogliere. Il mediano non riesce a dare via il pallone e viene circondato dai giocatori argentini, bravi poi a strappargli il pallone calciandolo in tribuna. Tra la delusione del pubblico finisce così la partita con il punteggio di 22 – 25, marcando la seconda sconfitta consecutiva per i Rebels.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.