Agli All Blacks la Bledisloe Cup

share on:

L’Australia concede quattro mete in mezz’ora e non si riprende più e incassa la peggior sconfitta di sempre contro la Nuova Zelanda

La Nuova Zelanda si impone ancora un volta a Sydney per vincere l’ennesima Bledisloe Cup, il risultato di 43- 5 è il più largo della storia tra le due formazioni.

L’esperimento di Dave Rennie non riesce: i giovani Wallabies puniti a dovere dai maestri neozelandesi, i debuttanti Lolesio e Simone travolti all’esordio dalla maggior classe e esperienza degli All Blacks.

Nella ripresa i Wallabies pagano i troppi errori di controllo e la disciplina e concedono nel finale i punti per la storica batosta.

La Cronaca:

Primo tempo

Al terzo minuto l’Australia rimane in quattordici uomini per dieci minuti. Filipo Dangunu si merita un cartellino giallo per un placcaggio pericoloso su Caleb Clarkche stava recuperando un campanile di Nick White.

E la Nuova Zelanda ne approfitta immediatamente con Karl Tu’inukuafe che conclude dopo una rimessa laterale All Black nei 22 metri australiani. Prima meta per l’ex buttafuori in Nazionale

Richie Mo’ounga non sbaglia dalla piazzola e per gli All Blacks sono sette punti in altrettanti minuti.

Dopo un solo minuto è l’altro numero quattordici in campo uscire per dieci minuti. Jordie Barrett si vede sventolare davanti un dubbio cartellino giallo per un contatto alto su Haylett-Petty.

Passa un minuto e calcio di Mo’ounga libera il tallonatore volante Dane Coles che batte in velocità White e schiaccia l’ovale in meta, ma la il replay mostra che il giocatore non ha mai avuto il controllo dell’ovale.

Ancora una volta io TMO protagonista al tredicesimo di gioco con un’altra meta non concessa agli All Blacks, Clarke viene placcato dal suo opposto Koroibete in area di meta e perde il possesso del pallone.

Al ventesimo meta da manuale della Nuova Zelanda: Smith vede il mismatch tra Mo’unga e Paenga-Amosa e serve l’apertura che danza attorno al tallonatore australiano per andare in meta.

Sei minuti più tardi è ancora una volta l’apertura dei Crusaders a recuperare un calcetto a scavalcare di Bauden Barrett e a percorrere metà campo quasi indisturbato per la terza meta kiwi.

Passano soli due minuti e dopo aver messo in difficoltà Lolesio isolato nella linea difensiva wallabies, gli All Blacks vanno in meta per la quarta volta con su trenino da touche. Questa volta nulla da eccepire sulla mera di Coles.

All’ultimo minuto del primo tempo un altro errore di Dangunu regala a Mo’ounga l’occasione d’oro per la tripletta, ma l’aperture neozelandese questa volta non controlla l’ovale e la prima frazione di gioco si conclude sul 26-0

Primo tempo: Australia 0 – Nuova Zelanda 26

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.