Clarke sotto accusa

share on:
Circket - Australia - Clarke

Dopo la catastrofe di Birmingham il capitano Michael Clarke nella bufera

Per sua stessa ammissione, Clarke è stato un passeggero nella terza partita delle Ashes

Clarke non è certo stato l’unico battitore australiano a deludere, la colpa della disastrosa prestazione al crease dell’Australia non può cadere solo su di lui, ma in quanto capitano, è normale che da lui ci si aspetti di più, e 10  e 3 per un totale di 29 lanci ricevuti è un punteggio decisamente al di sotto dello standard.

Michael Clarke durante la terza partita delle Ashes

Se da un lato Lehmann ha assicurato la piena fiducia al proprio capitano, è anche possibile che Clarke venga spostato per la quarta partita da numero quattro a cinque dell’ordine di battuta. Un gesto che toglierebbe un po’ di pressione a Clarke e lo riporterebbe in una posizione dalla quale, statistiche alla mano ha fatto molto meglio – media del 61.83 contro 30.89 come numero 4.

Steven Finn festeggia il wicket di Clarke all’Edgbaston

La domada che sorge spontanea, nel caso Clarke venga schierato come numero 5 dell’ordine di battuta, è chi lo sostituirà? Al Trent Bridge l’Australia non può sbagliare, una terza sconfitta consegnerebbe le Ashes all’Inghilterra e l’attuale numero 5, Adam Voges, non ha l’esperienza internazionale necessaria per sostenere la pressione e Mitchell Marsh, numero 6, è un’incognita.

Voges e Marsh, chi dei due salirà al quarto posto dell’ordine di battuta?

Il fattore più importante però per l’Australia, è l’evitare gli allarmismi, come ha fatto l’Inghilterra dopo la sconfitta del Lords. Questa serie delle Ashes è in un equilibrio instabile, l’ago della bilancia oscilla da una parte all’altra come una bussola impazzita e l’inerzia è tornata prepotentemente dalla parte dei padroni di casa, così come lo era dopo la partita di Cardiff.
Forse chi è maggiormente sotto pressione, è il curatore del wicket del Trent Bridge, e siamo sicuri che è già stato più volte al telefono con il collega dell’Edgbaston per carpirne i segreti.

Commenti

Rispondi