Comanche vince la Sydney Hobart a tavolino

share on:
Comanche Sydney to Hobart vela

Nella serata di ieri Comanche era arrivata seconda

Dopo aver condotto a lungo la gara Comanche era stata superata nell’ultimo tratto da Wild Oats XI

I giudici hanno però accolto il ricorso di Comanche per un’infrazione di Wild Oats XI alla partenza, infliggendo a Wild Oats un’ora di penalità. Il risultato è così cambiato con Wild Oats XI che da prima con 27 minuti di vantaggio si è trovata seconda.

Nonostante la manovra che ne ha danneggiato la partenza, Jim Cooney, proprietario  e skipper di Comanche, ha guidato la propria imbarcazione per prima fuori dalla baia di Sydney e ha mantenuto la testa fino all’ultimo tratto di regata.

Nell’approccio a Hobart sul fiume Derwent Wild Oats XI, più leggera e agile di Comanche, era riuscita a superarla per tagliare il traguardo nel tempo record di un giorno, otto ore e 48 minuti.

Lo skipper di Wild Oats XI, Mark Richards, aveva riconosciuto fin da subito il probabile intralcio ai danni di Comanche, ma, discutendone con l’equipaggio aveva deciso di non effettuare la virata richiesta per riparare a tali occasioni.

Una decisione che è costata la vittoria alla propria imbarcazione.

Comanche all’uscita dalla baia di Sydney

Il tempo fatto segnare da Comanche nell’edizione 2017 della regata è il migliore di sempre, con un giorno, nove ore e 15 minuti, Jim Cooney ha fatto meglio di Antony Bell che vince l’anno scorso con Perpetual LOYAL  in un giorno, tredici ore e 31 minuti

La vittoria nella classifica a handicap dovrebbe andare a Ichi Ban di Matt Allen.

L’imbarcazione italiana Mascalzone Latino 32 di Vincenzo Onorato, alla prima partecipazione ha fatto segnare un più che dignitoso undicesimo posto totale, secondo nella propria classe, IRC – Div 0, alle spalle dello yacht americano Wizard.


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi