Conclusione agrodolce per l’Italia

share on:
Italia Figi Rugby League

Finisce con una sconfitta il mondiale dell’Italia

Un crollo negli ultimi venti minuti dell’Italia rende la sconfitta contro le Isole Figi più pesante del dovuto

Il mondiale di rugby league delle Lepri si conclude con la seconda sconfitta in tre gare. Dopo l’amaro esordio contro l’Irlanda e la bella vittoria contro gli Stati Uniti, l’Italia cede contro le Isole Figi dopo essere stata per un’ora in partita.

L’Italia è andata per prima a segno con Joseph Mantellato ma ha poi subito il ritorno delle Isole Figi, che nel primo tempo hanno segnato due mete per chiudere in vantaggio.

Per merito di una difesa ordinata dell’Italia e per colpa di qualche errore di troppo in controllo palla delle Figi, il primo tempo è stato ben combattuto e ha anche visto due giocatori fuori per dieci minuti, Joe Tramontana e Jarryd Hayne, colpevoli di aver fatto partire una mini rissa.

Jason Mantellato festeggia la meta prima meta dell’incontro

Nella ripresa, l’Italia ha segnato una delle mete più esaltanti del torneo con un doppio calcio a seguire di Nathan Milone e si è portata a meno due dagli avversari, ma tra il 53′ e il 67′ ha concesso ben quattro mete alle Isole Figi e ha perso ogni possibilità di rimanere in partita.

Al termine della partita il risultato di 38-10 punisce più del dovuto le Lepri, ma, se si escludono i venti minuti terribili, il bilancio di questo mondiale non è così da buttare.

La distanza dalle formazioni migliori è sempre molta, ma l’impegno e la dedicazione messa dai giocatori che hanno indossato l’azzurro fanno ben sperare in un continuo progresso della Nazionale.

Campese in azione durante la partita, uscito per infortunio nei momenti cruciali del secondo tempo

Soprattutto fa ben sperare la progressiva crescita dello sport in Italia e l’incredibile impegno degli oriundi, che saranno sì nati e cresciuti in Australia, ma che hanno mostrato un orgoglio nel tricolore degno di grandissimo rispetto.


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi