Esonero Graham: decisione ridicola della QRU

share on:
Super Rugby Richard Graham

Richard Graham da ieri sera non è più l’allenatore dei Queensland Reds

Se la notizia non spezza di certo il cuore dei tifosi dei Reds, da tempo esasperati con le prestazioni inguardabili della squadra, il tempismo della decisione è catastrofico

Dopo aver terminato il peggiore dei propri campionati con sole quattro vittorie in sedici partite nel 2015 e un record del 26% di vittorie in tre anni, la QRU, la federazione rugbistica del Queensland ha condotto una review dello staff tecnico, ha invitato altri allenatori a esporre il proprio interesse per la posizione, permettendo allo stesso Graham di ri-candidarsi per il proprio posto.

Al termine della review, la QRU, che nel frattempo ha permesso a un numero enorme di giocatori di lasciare i Reds, ha deciso che Graham era l’uomo giusto per la posizione di capo allenatore per il 2016.

Ora dopo, sole due partite della stagione 2016, la stessa QRU che ha dato fiducia all’alleantore e contemporaneamente ha lasciato andare via i pezzi migliori, si rende conto che no, Graham non è l’uomo giusto, meglio affidare la squadra ai secondi Matt O’Connor e Nick Stiles.

Dall’avvento dell’era Graham i Reds hanno perso i seguenti giocatori: Quade Cooper, Scott Higginbotham, Rod Davies, James Horwill, Ed Quirk, Dave McDuling, Lachie Turner, James Hanson, Ed O’Donoghue, Will Genia, Aidan Toua, Mike Harris, Beau Robinson, Dom Shipperley, Blake Enever, Ben Tapuai, Albert Anae e Ben Lucas.

Graham in conferenza stampa si è detto devastato dalla notizia, ma ha ammesso che i propri risultati non sono stati sufficienti e che in un ambiente dove i risultati sono decisivi la sua posizione era diventata insostenibile. Una dichiarazione lapalissiana che lascia ancor più sconcertati i tifosi.

Il nome che tutti a Brisbane fanno come possibile successore è quello di Ewen McKenzie, e siamo certi che la QRU ha già contattato Barabba, senza panchina dopo aver sbattuto la porta dei wallabies nel 2014.

Super rugby Graham e McKenzie

Commenti

Rispondi