Finale epica per Super W

share on:
Queensland NSW Super W finale

Al NSW il primo titolo del Super W

La vittoria è arrivata solo al termine del secondo tempo supplementare con un piazzato di Ash Hewson

In una partita degna di una sceneggiatura holliwoodiana, le squadre erano in pareggio dopo 90 minuti di gioco e la partita è finita con il golden point quando le squadre erano sul13 pari al termine del secondo tempo supplementare.
Il capitano del New South Wales Ash Hewson ha siglato la vittoria con un calcio piazzato da 15 metri negli ultimi secondi di gioco per scatenare estasi e disperazione al tempo stesso.

Il NSW celebra la vittoria

Una risultato che ha lasciato l’amaro in bocca alle giocatrici del Queensland, che devono recriminare solo sui propri errori, ma che ha premiato la squadra che durante la stagione ha espresso il miglior rugby.

La delusione delle giocatrici del queensland

La partita gioco è iniziata con entrambe le squadre comprensibilmente nervose, il NSW ha ottenuto i primi punti sul tabellone al 12esimo con un calcio del proprio capitano.

Il NSW ha operato grande pressione in mischia aperta ma il Queensland ha resistito bene in difesa e è andato a segno con la prima meta della partita: la migliore in campo Lavinia Gould al 20esimo ha intercettato  meravigliosamente un passaggio delle giocatrici del NSW sulla linea di metà campo e lo ha riportato meta dando alle ospiti un vantaggio di due punti.

Il NSW ha reagito con orgoglio, ma con il conto dei falli in crescendo per entrambe le parti, non ha raccolto più di un secondo piazzato prima del termine della prima frazione di gioco.

Le padrone di casa sono andate al riposo bensì in vantaggio ma con il fiato sul collo delle proprie rivale del Queensland, consapevoli di dover fare di più per potersi assicurare il primo titolo del Super W.

Il Queensland ha iniziato la seconda metà di gioco con grande slancio e con placcaggi molto efficaci. Dopo soli sette minuti, una splendida sgaloppata di 60 metri sulla linea laterale da parte di Nareta Marsters ha visto le ospiti riconquistare il comando: Hargreaves ha riciclato l’ovale velocemente e l’ha passato a Marsters che si è diretto verso la linea di meta, resistendo a diversi tentativi di placcaggio. Un’altro errore in trasformazione ha visto il Queensland 10-6 avanti sul tabellone.

Grace Hamilton in azione

In una svolta decisiva per il Queensland, Lavinia Gould è stata mandata per 10 minuti sul banco delle cattive per un ennesimo fuorigioco.
Il NSW che già si trovava nei 22 avversari al momento dell’ammonizione ha subito approfittato del vantaggio numerico: Melissa Fatu rimise cha schiacciato in meta davanti ai pali su spinta da parte del pacchetto degli avanti. Hewson ha messo a segno i due punti da posizione facile e il NSW è passato in vantaggio sul 13-10, con meno di 15 minuti da giocarsi.

Il NSW sembrava in grado di controllare il gioco fino al termine, ma il rientro in campo di Gould a sette minuti dal termine ha dato coraggio alle ospiti.

In pieno recupero, il Queensland ha conquistato una punizione da posizione ravvicinata e ha deciso di andare per il pareggio e andare a cercare la vittoria al golden point nei supplementari.

La pilone del Queensland Toa Filimoehala all’ingaggio in mischia

Nel primo tempo supplementare da cinque minuti il NSW ha controllato possesso e territorio, ma la migliore occasione si è infranta con un in avanti dopo ben 19 fasi nella metà campo avversaria.

Con le giocatrici di entrambe le parti decisamente esauste, il secondo tempo supplementare ha dato pochi spunti.

Complice la stanchezza, il Queensland ha commesso un errore imperdonabile al termine del secondo periodo, regalando un facile piazzato alle padrone di casa che la 37enne Ash Hewson non ha fallito per chiudere il match.

Ash Hewson portata in trionfo dalle proprie compagne di squadra

Il tabellino

New South Wales 16 (13, 6)
Meta: Fatu
Trasf.: Hewson
Piazz.: Hewson 3/4

Queensland 13 (13, 5)
Mete: Gould, Marsters
Trasf.: Temara 0/2
Piazz.: Temara 1/1

Commenti

1 Comment

Rispondi