Il giorno del ritorno per i Bombers

share on:
Essendon Bombers Banner

Finita la squalifica per i giocatori dei Bombers

Con la prima partita di precampionato tra Essendon e Collingwood finisce la lunga squalifica per 34 giocatori coinvolti nello scandalo dei supplementi

Tralasciando le polemiche e distanziandoci dal partito dei colpevolisti e da quello degli innocentisti, ci sentiamo vicini ai giocatori di Essendon che finalmente possono ritornare a fare quello che amano di più e a giocare lo sport al quale hanno dedicato gran parte della loro vita.

La saga dello scandalo supplementi a Essendon ha fatto molti danni e ha cambiato forse per sempre l’immagine del club, ma ha anche polarizzato i tifosi, rafforzando lo zoccolo duro dei Bombers che hanno seguito la propria squadra anche quando è stata costretta a giocare con un gruppo di ragazzi inesperti.

Ma è a livello personale che sono stati causati i danni più gravi. L’ex allenatore James Hird è la persona che ha pagato di più a livello personale per la situazione e forse è colui che non vedrà la partita di oggi come il capitolo finale della vicenda.

Ma per tutti i giocatori coinvolti, e soprattutto per i dieci che scenderanno in campo contro Collingwood, oggi finirà un piccolo incubo. Nulla per un giocatore lenisce di più le ferite fisiche e morali che l’odore dell’erba, dello spogliatoio, dell’olio canforato e del cuoio del pallone.

Anche ai più rudi giocatori oggi si bagneranno gli occhi passando di nuovo attraverso il banner e sentendo la sirena suonare e tutti noi perdoneremo ciò che è accaduto e li giudicheremo per ciò che faranno in campo e non per ciò che o non è successo.

Il neo-capitano del Bombers Dyson Heppel

In copertina banner dei Bombers, foto di MasterMind5991 via Wikimedia


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.