Guida alla decima di Super Rugby

share on:

Saranno 16 le squadre impegnate nel decimo turno di Super Rugby. Ecco la consueta preview del prossimo turno del torneo.

 

Chiefs – Sharks: entrambe le squadre sono reduci da partite esterne vinte per un soffio e la loro confidenza non potrebbe essere migliore.
I Chiefs hanno perso la loro unica partita stagionale proprio in casa e proprio contro una squadra sudafricana, la sorpresa potrebbe essere dietro l’angolo.
Dovrebbe essere entusiasmante il duello tra gli estremi McKenzie e Le Roux, che nonostante il pesante colpo subito contro gli Highlanders riesce ad essere in campo. Da non sottovalutare anche il confronto tra i 2 openside flankers, Cane da una parte e Daniel dall’altra, entrambi capitani di giornata.
Gli Sharks cercheranno di targettare la prima linea dei Chiefs per mettere in difficoltà il più possibile i neozelandesi, che potranno però contare sul ritorno nel “reparto motori” della seconda linea Dom Bird.

Dom Bird spera di aver messo finalmente da parte gli infortuni
Dom Bird spera di aver messo finalmente da parte gli infortuni

 

Force – Bulls: i Bulls, dopo un turno di riposo, sono pronti ad espugnare il Nib Stadium. Western Force sta attraversando un periodo bruttissimo che sembra non avere mai fine; coach Foley ha deciso di schierare ben 7 giocatori diversi rispetto alla formazione scesa in campo contro i Waratahs. I più noti ad essere tagliati sono il tallonatore Tessmann e il centro Tapuai, sostituiti dai giovani Scoble (alla prima partenza da titolare) e da Matuauto, al debutto assoluto in Super Rugby.
I Bulls invece rispondono con la loro formazione tipo, con l’eccezione di Piet van Zyl preferito a Rudy Paige nello spot numero 9; la coppia di centri Serfontein – Kriel metterà a dura prova la difesa dei Force,
In 8 partite gli australiani hanno marcato solamente 123 punti (subendone 257), decisamente troppo poco per impensierire i Bulls; mai dire mai però, l’ultima volta che i Bulls hanno giocato a Perth (nel 2014) sono usciti sconfitti per 15 – 9.

Jesse Kriel, l'uomo ovunque dei Bulls
Jesse Kriel, l’uomo ovunque dei Bulls

Blues – Rebels: l’ultima della conference neozelandese se la vedrà contro la prima di quella australiana in uno scontro che potrebbe far capire molto della differenza tra Nuova Zelanda e Australia.
Le 2 squadre si assomigliano molto statisticamente parlando e siamo sicuri che metteranno in campo tutto quello che hanno. Nessuno si sarebbe aspettato di vedere i Rebels primi nella loro conference dopo metà stagione e la squadra di McGahan è pronta a dare battaglia per dimostrare che non sono un fuoco di paglia.
I neozelandesi vengono da un turno di riposo avuto proprio dopo una convincente vittoria casalinga contro gli Sharks e cercheranno di proseguire il trend positivo. Umaga non potrà contare su Ranger (out per tutta la stagione) ma si affiderà ancora una volta alla fantasia di Ihaia West e alla potenza di Moala.
I Rebels cercheranno di fare tesoro della forma di Reece Hodge, potendo sempre contare sugli instancabili Timani e Jones, vero ossigeno del pacchetto di mischia.

Ihaia West, metronomo dei Blues
Ihaia West, metronomo dei Blues

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.