Guida alla nona giornata di Super Rugby

share on:

Il nono round del Super Rugby segna l’immaginario giro di boa della stagione 2016, ora ufficialmente entrata nella seconda parte. Sono 7 le partite che andremo ad analizzare, provando come sempre a pronosticare le vincenti.

 

Highlanders – Sharks: dopo un turno di riposo gli Highlanders hanno finalmente l’opportunità di cancellare l’onta della sconfitta subita in casa dei Reds nel loro ultimo impegno ufficiale. La squadra di Dunedin è la favorita, con i sudafricani reduci da una sconfitta in casa dei Blues e in generale non in ottima forma. Patrick Lambie è da lungo tempo out per un serio infortunio alla spalla e Joe Pietersen è stato finora il suo sostituto con la maglia numero 10. Gary Gold ha deciso però che in questa partita sarà il giovane April a guidare gli Sharks, mentre in panchina si rivede dopo aver scontato una lunga squalifica per doping il tallonatore Springbok ed ex Tolosa Chilliboy Ralepelle. Chance da titolare al carismatico Keegan Daniel che vestirà la maglia numero 6.
Gli Highlanders non potranno ancora contare sulla loro arma da distruzione Waisake Naholo, mentre il talismano Ben Smith ha avuto il via libera dai medici per tornare in campo dopo la concussion subita contro i Force.

 

Rebels – Cheetahs: è difficle stabilire chi sono i favoriti della gara. Gli ospiti, allenati dall’ex coach di Treviso Franco Smith (con Anton Van Zyl allenatore della mischia) arriva da una larghissima vittoria contro i poveri Sunwolves, sicuramente non una partita impegnativa, ma che ha portato comunque tanto morale alla squadra sudafricana proprio prima di prendere l’aereo con destinazione Oceania.

I Rebels invece sono alla seconda partita interna consecutiva e vorranno sicuramente riprendersi dalla brutta sconfitta subita contro gli Hurricanes la scorsa settimana. Per fare ciò coach McGahan ha cambiato 5 giocatori rispetto all’ultimo impegno, spostando Hodge a numero 13 e schierando Naivalu nella sua preferita posizione di ala, mentre Placid torna nel XV titolare vestendo la maglia numero 15. Partirà dalla panchina Colby Faingaa che ha finalmente recuperato dall’infortunio al braccio subito in preseason.

Gli occhi della difesa Rebels devono per forza essere puntati sul velocista Sergeal Petersen, che insieme ai compagni di reparto Ruhle e Blommetjies stanno facendo danni considerevoli contro qualunque squadra.
La partita potrebbe risolversi grazie a piccoli episodi che finora sono sempre andati contro la squadra di Melbourne, con un po’ più di attenzione la squadra di casa dovrebbe riuscire a tornare alla vittoria.

 

Sunwolves – Jaguares: gli argentini hanno vinto solamente una partita in stagione e quella con i Sunwolves rappresenta una concreta opportunità per aumentare il proprio numero di punti in classifica.

Se ad inizio anno i Jaguares schieravano quasi esclusivamente nazionali Pumas, da qualche partita a questa parte la tendenza è cambiata e si vedono più facce giovani che ancora non hanno assaggiato la camiseta argentina; considerando il fatto che le vittorie finora non sono arrivate, ci sembra una strategia giusta quella di coach Pèrez che permette ai giocatori appena usciti dal campionato di club argentino di fare grande esperienza in vista di fare il grande salto, aumentando le chance di questi giocatori di rappresentare la propria nazione.

La stanchezza causata dai viaggi si sta facendo sentire ( i Jaguares hanno finora percorso 35mila miglia, la circonferenza della terra è 24901 miglia giusto per fare un paragone), ma contro i Sunwolves il risultato possibile è solamente uno, la vittoria.

 

Hurricanes – Chiefs: la settimana è iniziata al meglio per gli Hurricanes che hanno annunciato l’estensione contrattuale per l’assistant coach John Plumtree, facendo così terminare le voci che lo volevano sulla panchina degli Highlanders dalla prossima stagione.
La franchigia della capitale torna a casa dopo aver demolito i Rebels, giocando una partita bella ed efficace; i Chiefs non avranno vita facile e i derby neozelandesi raramente sono partite facili da vincere.

Importante è il fattore casa e potrebbe essere proprio questo a far pendere la bilancia dalla parte degli Hurricanes. I Chiefs saranno più riposati visto il loro turno di pausa di cui hanno appena usufruito, preparatevi  a vedere una partita spettacolare.

Garth April vestirà la numero 10 per gli Sharks
Garth April vestirà la numero 10 per gli Sharks

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.