Guida alle AFL Finals parte 1

share on:

Qualifiyng Finals

Geelong Cats – Collingwood Magpies (Venerdì – 11.50 ora italiana)

Le Qualifiyng Finals sono un mondo a parte nella concezione che abbiamo noi per playoff, le due squadre si affronteranno, ma allo stesso tempo avranno una seconda chance la settimana dopo con la Semi Final. Nella prima Qualifiyng Final si affrontano i campioni della stagione regolare, Geelong, e Collingwood. I Cats hanno vissuto una straordinaria stagione, per poi iniziare a zoppicare nel finale, riuscendo però alla fine a chiudere al primo posto. Collingwood ha avuto una stagione travagliata con tantissimi infortuni, ma la forza di volontà ha trascinato la squadra ad un risultato eccezionale. Per la partita di domani, dovrebbero tornare diversi infortunati che dovrebbero alzare l’asticella per Collingwood, ma la possibilità di giocare la Qualifiyng Final li mette in una botte di ferro, perché in caso di sconfitta hanno sempre la Semi Final e la possibilità di reintegrare al meglio i rientri dall’infermeria per l’assalto al titolo. Geelong parte stra-favorita, forte di una squadra che brulica di talento come non mai in mezzo al campo, poter schierare gente come Dangerfield, Ablett, Selwood, Kelly, Duncan e Stewart sono un lusso, soprattutto averli tutti nella propria squadra, ma l’immensa qualità non si ferma alla metà campo perché in attacco possono schierare Dahlhaus, Hawkins con Miers, importante spacca partita dalla panchina. Neanche in difesa scherzano con Tuhoy, Kolodjashnij, Henderson, Blicavs e Taylor a formare un reparto di altissimo spessore, del resto i numeri della Regular Season parlano da soli, secondo miglior attacco (1984) e miglior difesa assoluta (1462).

La domanda sorge spontanea, come può Collingwood arginare una squadra della qualità di Geelong? Dovranno partire nel limitare il gioco aereo di Hawkins e Kelly, i due sono i più importanti giocatori in fase di uscita di pressing ed allo stesso i più importanti in fase offensiva per creare spazi agli inserimenti dei rapidi centrocampisti. Limitare Hawkins, su tutti, potrebbe essere una chiave, l’altra sarà giocare duro ovvero portare a segno ogni tackle con vantaggio e quindi è richiesta un’altissima concentrazione e precisione nell’esecuzione. Collingwood poi dovrà essere brava a sfruttare tutto quello che gli concederà Geelong, perché la squadra negli ultimi tempi ha calato (abbastanza vistosamente) il ritmo e se approcceranno la partita nel modo sbagliato, dovranno essere bravi a sfruttarlo immediatamente.

Geelong, dal canto suo, deve giocare il suo footy basato sulla qualità dei suoi interpreti, il lavoro nelle clearances e la velocità e la pulizia di come giocheranno quei palloni saranno la chiave per ottenere la vittoria.

Pronostico? Geelong di 25.

Brisbane Lions – Richmond Tigers (Sabato – 11.25 ora italiana)

Dopo anni si ritorna a respirare il grande footy al Gabba, dopo l’exploit d’inizio 2000 con tre titoli consecutivi i Lions sono spariti dai radar dell’AFL, con stagioni mediocri e con poche soddisfazioni. Quest anno la squadra ha cambiato marcia ed è passata dal 15° posto al 2°, numeri impressionanti. Affronteranno Richmond capace di giocare una stagione quadrata nonostante le diverse defezioni per infortuni che hanno subito durante la stagione, riuscendo alla fine a chiudere al quarto posto, grazie ad un finale di stagione eccezionale con 9 vittorie consecutive, l’ultima ottenuta proprio contro i Lions, ma al MCG di Melbourne.

I Lions arrivano a questa sfida forti di un reparto offensivo devastante capace di realizzare la bellezza di 2004 punti totali. Importantissimo l’apporto di Cameron, l’ex Crows, ha giocato una stagione impressionante chiudendo con ben 54 goal, miglior annata di sempre per lui. Il segreto di questo ribaltone in classifica, rispetto alla passata stagione, sta tutto attorno a Lachie Neale, l’ex Dockers, ha portato equilibrio in campo, tanto da giocare un totale di 688 possessi di cui 355 contestati, numeri importantissimi che hanno permesso ai Lions di avere una transizione di gioco valida che ha poi permesso alla squadra di mostrare tutto il proprio talento offensivo.
I Tigers, sono arrivati a questa post-season con un filotto di vittorie impressionante, ben 9 vittorie, che li hanno trascinati dalla lotta all’ottavo posto ad entrare tra le prime quattro. Trascinati dal solito Dustin Martin, hanno trovato il supporto di Tom Lynch, ex Suns, capace di realizzare 54 goals.

Il duello tra Martin e Neale sarà importantissimo per le sorti della sfida, i due giocatori sono l’anima di questa squadra in tutto e per tutto e se uno dei due dovesse giocare sotto ritmo sarebbe un guaio per la propria squadra. I Lions in avanti faranno sicuro affidamento su Charlie Cameron, che è l’unico attaccante non ricoprire il ruolo di full forward ad aver realizzato tutti questi goal, il che denota che il gioco di Brisbane si sviluppa tutto sulla rapidità di esecuzione. Richmond ha una fase offensiva più classica con un target offensivo come Lynch, ma allo stesso tempo ha anche frecce nel proprio arco come Martin, Castagna e Lambert, capaci di lavorare palloni sporchi e di conseguenza creare azioni pericolosi, senza infine dimenticarci di Riewoldt che utilizzerà la presenza di Lynch per giocare maggiormente defilato e sfruttare gli spazi che gli creerà l’ex Suns.

Pronostico? Questa volta vado controcorrente è do i Tigers vincenti per 12 punti.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.