I Rising non passano l’esame figiano

share on:
Rising Drua NRC

Sconfitta nella seconda partita dell’NRC per i Rising

La Fijian Drua si impone a Melbourne grazie a un secondo tempo a gran ritmo

Melbourne – Sul piccolo campo dell’Harlequins Rugby Club di fronte a un gruppo sparuto di spettatori, i Rising si arrendono alla velocità della Fijan Drua

Un break di tre mete nel giro di tre minuti a metà del secondo tempo da alla Drua un vantaggio incolmabile sui padroni di casa. Sugli scudi il mediano d’apertura Peceli Nacebe, autore di due mete personali e di una gran partita.

Per i Rising buone le prove di McGregor e Tupai

La cronaca:

Primo tempo

Partono bene gli ospiti che chiudono i Rising nella loro metà campo e trovano la prima meta dell’incontro con un bel pick an go della terza linea Saqiwa da mischia chiusa.
La risposta dei padroni di casa è affidata alla coppia di centri, Sione Tuipulotu e Hunter Paisami che combinano bene in mediana. La meta arriva a opera del capitano Nick Stirzaker che schiaccia in meta dopo un paio di fasi sull’angolo destro.

Cinque minuti dopo il tallonatore di Rising Hanson con una combinazione veloce va oltre la linea di meta, ma nel far ciò sfiora anche quella laterale e il TMO annulla la marcatura.

Una percussione centrale Tovilevu ravviva i figiani che si rifanno grazie a una meta del proprio tre quarti ala Daveta che elude il tentativo di placcaggio di McGregor e va a schiacciare in meta per il vantaggio della Drua.

La meta di Hanson, negata al decimo, arriva al ventesimo, dopo una serie di fasi, Tupai rompe un placcaggio, passa a O’Connor che libera il tallonatore sull’angolino sinistro per il pareggio.

La Drua si rifà sotto e spinge nei 22 dei Rising, ma non riesce a trovare il varco giusto nelle difesa dei padroni di casa. Tupai in due occasioni toglie le castagne dal fuoco per i Rising andando a far proprio l’ovale in mischia aperta.

Il tempo si conclude senza altre segnature sul 12 pari.

Secondo tempo

La seconda di frazione è iniziata con una meta spettacolare dell’apertura della Drua Nacebe che ubriaca i difensori dei Rising e scappa via con una corsa centrale di 50 metri.

I Rising rispondo a loro volta con una meta di pregiata fattura, autore della marcatura Maddocks, dopo un passaggio velo di Tuipolotu, McGregor ha messo a segno la trasformazione per il nuovo pareggio.
Nota negativa, nell’azione si infortuna il numero otto Taufa.

Le due squadre iniziano a dare segni di stanchezza e il gioco si fa più aperto, condizioni che agevolano i figiani, che mostrano gli skills del rugby 7s: i centri Vasiteri e Tovilevu seminano il panico, Nacebe ancora protagonista con un passaggio a una mano che libera la terza linea Saqiwa.

Sul calcio di ripresa del gioco Tupou si mangia una probabile meta per i Rising mancando l’offload al momento giusto, su ribaltamento di gioco ancora Nacebe, che proviene proprio dal rugby 7, va in meta per la seconda segnatura personale.

Passano pochi secondi e arriva la terza meta della Drua, l’autore è Vasiteri che si fa trovare da Daveta che recupera un calcio di liberazione con bravura.

La difesa dei Rising è incapace di reagire alla velocità degli avversari in gioco aperto.

McGregor con un paio di finte va in meta per i padroni di casa, ma sono ancora gli ospiti a pressare, Nacebe si fa ancora notare con un delizioso calcetto a campanile che va lui stesso a recuperare per poi accelerare tra i difensori immobili, guadagnando 30 metri di campo. Purtroppo Nacebe nell’azione successiva si infortuna e deve lasciare il campo

Il Tabellino:

Melbourne Rising 24 (12)
Mete: Stirzaker, Hanson, Maddocks, McGregor
Trasf.: McGregor 2/3

Fijian Drua 45 (12)

Mete: Saqiwa (2), Davete (2), Nacebe (2), Vasiteri
Trasf.: Nacebe 4/5

Migliore in campo di AS: Nacebe
Il momento chiave: la serie di tre mete in tre minuti della Drua a metà del secondo tempo.


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi