I Waratahs non brillano ma battono i Blues

share on:

Da una partita che vede opposti i campioni in carica agli ultimi in classifica in piena crisi di identità e di risultati (deve ancora arrivare la prima vittoria stagionale per i Blues) ci si aspetterebbe un match scontato e già vinto in partenza, ma sabato a Sydney non è stato esattamente così.

La partita inizia male per i Blues che all’8° minuto subiscono la prima segnatura della gara:  Phipps si invola in meta dopo una splendida giocata dei trequarti dei Waratahs che mettono in un corridoio perfetto Hooper, 2 contro 1 facile facile e meta in mezzo ai pali. Foley ha il più semplice dei compiti e trasforma per il 7-0 iniziale.

I Blues non demordono e grazie al piede di Bowden si rifanno sotto e chiudono un primo tempo noioso sul 7-6.

La seconda frazione di gara si apre con parecchi cambi sia da una parte che dall’altra, Foley al 50esimo sbaglia un calcio piazzato e così i Blues prendono fiducia; i neozelandesi riescono a portarsi nei 22 avversari e dopo una stupenda combinazione della linea arretrata Francis Saili riesce a schiacciare di potenza la palla in meta portando i suoi in vantaggio 7-11.

Colpiti nell’orgoglio i ‘Tahs reagiscono e impiegano solamente 4 minuti a riportarsi in vantaggio grazie a 2 calci piazzati del preciso Foley. Al 68esimo è ancora l’apertura dei Wallabies a calciare in mezzo ai pali la punizione del 16-11.

3 minuti dopo i Blues subiscono un duro colpo quando Kaino viene ammonito, i Waratahs sentono l’odore del sangue e piazzano la meta della definitiva tranquillità grazie a Betham, con Foley che ancora una volta trasforma per il 23-11 finale.

Non è stata una partita dominata da parte dei campioni in carica ma nonostante qualche difficoltà di troppo si sono portati a casa 4 punti molto importanti per la classifica, acquisendo inoltre la consapevolezza che pur non giocando al meglio possono vincere le partite, arma che potrebbe rivelarsi a doppio taglio se ciò ricapiterà contro squadre più forti e preparate.

Gli Stormers sono in arrivo a Sydney nel week end e i Waratahs dovranno fare molto di più per liberarsi di Schalk Burger e compagni.

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.