International Rules Series: l’arte del portiere

share on:

L’International Rules Series mette alla prova  gli australiani in un ruolo nuovo, totalmente estraneo al mondo dell’Aussie Rules.

Porta da calcio e portiere, la grande differenza tra Aussie Rules ed International Rules Series è questa, del resto la partita ibrida è più tendente al Gaelic che all’Aussie.

Quest’anno nel ruolo di portiere è stato scelto Brandon Goddard che andrà a prendere il posto di Dustin Fletcher, portiere della nazionale nelle edizioni 2005-2006-2014-2015, ma che ormai si è ritirato dalle scene.

Fletcher è considerato il miglior portiere mai avuto dalla nazionale, nonostante un ruolo non del tutto congeniale agli standard australiani, oltretutto Fletcher non si è mai distinto in tutte le gare in qualche parata importante, però a livello fisico ha sempre fatto la voce grossa nelle palle contese.

Anche Silvagni, il più forte full-back della storia dell’AFL ha difeso i pali della nazionale nel 1998-1999, in entrambi i casi l’Australia vinse la Serie e nel 1998 Silvagni riuscì a portare a casa la Jim Stynes Medal.

Altri portieri, possiamo menzionare, Andrew Kellaway, Ashley McGrath, Garry McIntosh, Glen Jakovich, Matthew Campbell, Matt Suckling, Nathan Bock, Michael Firrito, Mal Michael e Darren Gaspar. Tutti giocatori che a modo loro hanno scritto la storia di questo doppio confronto, andando a cimentarsi in un ruolo totalmente sconosciuto a loro.

Commenti

Rispondi