Karmichael Hunt, il caso rischia di coinvolgere 100 atleti

share on:

Si intensificano e si fanno sempre più gravi le diramazioni del caso che vede Karmichael  Hunt coinvolto di un’inchiesta per droga

L’atleta noto per aver giocato a league, australian football e ora recluta di lusso del rugby union, sarebbe un accessorio all’inchiesta, ma oltre ai nomi di due giocatori di league del Titans, il caso rischia di coinvolgere fino a 100 atleti di tutti e tre i codici

Le accuse a Karmichael  Hunt si riferiscono a fatti avvenuti nell’ultima parte dell’anno scorso quando il giocatore non era impegnato attivamente in nessuno sport, avendo i Gold Coast Suns mancato le finali e non essendo il giocatore ancora passato all’union.

Beau Falloon e Jamie Dowling, dei Gold Coast Titans, sono anch’essi accusati di spaccio di droga per fatti avvenuti nello stesso periodo, e pare che i tre, siano stati parte di una rete che forniva cocaina a giocatori in Queensland dei tre più famosi codici sportivi australiani nel 2014.
Una donna di Mermaid Waters, lo stesso sobborgo dove vive Falloon, è stata anch’ella accusata di spaccio di droga.

Si intravede anche una frattura tra i vertici del rugby union (ARU) e quelli dell’australian football (ARU), infatti non è chiaro se i dirigenti dell’AFL fossero o meno a conoscenza dei fatti. La politica dell’AFL riguardo all’uso di droga è infatti legata al principio dei tre strikes, ovvero i primi due casi di positività vengono tenuti strettamente riservati.

Il futuro di Karmichael  Hunt e degli altri atleti coinvolti rimane per ora incerto, in attesa della prima udienza il 5 Marzo.

I Queensland Reds hanno per ora sospeso a tempo indeterminato Karmichael  Hunt.

Commenti

1 Comment

Rispondi