Lo scandalo del cloruro di cobalto si allarga

share on:
cloruro di cobalto

Il mondo dell’ippica australiano scosso dal doping

Dopo la notizia di Martedì della positività di Lidari, cavallo allenato da Peter Moody, uno degli allenatori più noti e stimati del mondo ippico australiano, altri due allenatori, Mark Kavanagh e Danny O’Brien, sono finiti nei guai. Tre cavalli allenati da O’Brien – Bondeiger, De Little Engine e Caravan Rolls On – e uno da Kavanagh – Magicool –  sono stati trovati positivi al cloruro di cobalto negli ultimi mesi.
Curiosamente i campioni positivi di Lidari e Magicool provengono dallo stesso meeting, tenutosi il 4 Ottobre 2014 a Flemington.

Black Caviar
Black Caviar

Moody è stato l’allenatore del cavallo di maggior successo nella storia recente delle corse ippiche australiane e mondiali, Black Caviar, dominatrice di tutte e 25 le corse a cui ha partecipato dal 2009 al 2013. Le rivelazioni sulla positività de Magicool hanno gettato ombre sui successi di Black Caviar, ottenuti quando il cloruro di cobalto non era riconosciuto come sostanza dopante e riacceso le polemiche di chi, come l’allenatore inglese Roger Charlton già chiese pubblicamente se la cavalla fosse stata sottoposta a dosi di steroidi anabolizzanti, pratica spesso in uso nell’ippica australiana.

Il cloruro di cobalto ha l’effetto di innalzare i valori di eritropoietina, l’ormone comunemente famoso con il nome di EPO e causa di molti casi di doping soprattutto nel ciclismo. Gli effetti negativi del cloruro di cobalto sono ancora poco chiari, ma è stato stabilito che abbia un effetto negativo sui sistemi cardiovascolare e nervoso degli animali. La sostanza è stata inserita nella liste dei composti dopanti nell’Aprile dell’anno scorso con un limite di 200 microgrammi per litro.

Commenti

2 Comments

Rispondi