Mal Meninga nuovo allenatore dei Kangaroos

share on:
rugby league kangaroos meninga

L’allenatore dei Maroons guiderà i Kangaroos fino al 2019

Dopo un record invidiabile con il Queensland, Meninga proverà a ripetersi con la nazionale di rugby a XIII australiana a partire dalla coppa del mondo 2017

L’ex capitano dell’Australia ha un palma res invidiabile sia come giocatore, 3 titoli NRL, 7 State of the Origin, maggior numero di punti e di partite con i Kangaroos, sia come allenatore, nove State of Origin in dieci anni.

Con l’approdo alla panchina più prestigiosa del rugby league mondiale, Meninga raggiunge, a 55 anni, il punto più alto della carriera di ciascun allenatore e lascia conseguentemente un vuoto molto difficile da colmare per il suo successore ai Maroons.

È infatti intenzione sia dell’Australian Rugby League sia della Queensland Rugby League far sì che l’allenatore della nazionale non alleni anche uno dei due stati. Il successore di Meninga sulla panchina dei Maroons non è ancora stato designato, ma i due candidati più accreditati sono il suo assistente sulla panchina del Queensland Kevin Walters e Michael Hagan che ha appena lasciato la panchina dei Newcastle Knights.

Mal Meninga nelle vesti di allenatore dei Maroons

Nonostante Meninga sia stato un grandissimo ambasciatore per il Queensland e un fiero rivale del New South Wales sia in campo sia dalla panchina, ha tenuto a precisare immediatamente nella propria conferenza stampa di presentazione come neo allenatore dei Kangaroos, che ha già messo una pietra sopra a suo passato: “sceglierò i giocatori migliori, siano essi del Queensland o del New South Wales, ” e ha poi proseguito riferendosi al pubblicizzato suo concetto di noi contro loro usato per motivare i giocatori nelle partite dello State of Origin, “noi, d’ora in poi significherà l’Australia, loro la Nuova Zelanda o l’Inghilterra, o qualunque altro avversario”.

Meninga ai tempi in cui indossava la maglia dei Kangaroos

Nato e cresciuto in Queensland Meninga proviene da una famiglia delle Isole Salomone Islander ed è i portavoce della comunità South Sea Islander e si è dedicato a diverse raccolte di fondi, per beneficienza si cimentò anche nella boxe:

Meninga sul ring contro Boroevic

Nel 2001 fece notizia per la sua brevissima esperienza politica, candidatosi come indipendente alle elezioni del Territorio della Capitale, stupì tutti annunciando il proprio ritiro durante la sua prima intervista, dopo soli 28 secondi. Un gesto che se da un lato suscitò una certa ilarità, venne apprezzato da molti come il tempestivo riconoscimento dell’essere stato messo in una posizione non adatta, e che ha fatto sperare a molti che altri avessero seguito il suo esempio.

Commenti

Rispondi