Melbourne Cup: Marmelo il favorito

share on:
Marmelo Melbourne Cup

I bookmakers danno il baio inglese Marmelo favorito per domani

Oltre a lui un altro cavallo d’oltreoceano, l’irlandese Rekindling, tra i probabili vincitori, scendono invece le quotazioni di Almandin, vincitore della scorsa edizione

Melbourne è pronta a ospitare le corsa che ferma la Nazione. La tradizionale parata ha già fermato oggi la città, ostruendo rendendo le strade del centro.
Domani tutti gli occhi saranno puntati sull’ippodromo di Flemington, dove i 23 cavalli si contenderanno una delle corse più prestigiose al mondo e il suo esorbitante montepremi di 6,2 milioni di dollari australiani (4.1 milioni di Euro).

Nel caso di vittoria di Marmelo si tratterebbe delle prima volta in 157 anni per un cavallo inglese.

Marmelo ha attirato l’attenzione degli esperti nella Caulfield Cup della settimana scorsa, quando ha mostrato un poderoso sprint finale che gli è valso il sesto posto. A aggiungere pedigree alla posizione di favorito di Marmelo anche la vittoria nel Prix de Kergorlay, corsosi in Francia a Agosto e considerato un passo di avvicinamento importante alla corsa australiana. Due recenti vincitori della Melbourne Cup si sono infatti imposti nel Prix negli ultimi anni: Americain (2010) e Protectionist (2014).

Il cavallo vincitore della scorsa edizione, Almandin, è in cerca di un bis che avrebbe dell’impresa storica. L’ultima volta che un destriero si aggiudicò la corsa all’età di otto anni fu ben 80 anni fa, altri tempi.
Almandin sarà montato da una leggenda dell’ippica mondiale, Frankie Dettori, che non ha mai vinto la Melbourne Cup nei precedenti sedici tentativi.

Il fantino che ha portato Almandin alla vittoria l’anno scorso, Kerrin McEvoy, cercherà la doppietta  storica su Red Cardinal, allenato dal tedesco Andreas Wohler, come il vincitore del 2014 Protectionist. In caso di vittoria si tratterebbe della terza Melbourne Cup per McEvoy.

La però che per noi di Australia Sport è più importante è che nessun cavallo si infortuni durante la corsa!

 


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi