Partono a breve A-League e W-League

share on:

Con un doppio incontro il Western Sydney Wonders apre entrambi i campionati

Non è ancora confermato se le partite di Sydney verranno giocate regolarmente per via delle ultime infezioni riportati nei sobborghi a nord della città e le conseguenti limitazioni agli spostamenti introdotte tra gli stati australiani.

Covid permettendo, apriranno i campionati le ragazze alle 4 affrontando le finaliste della passata stagione del Melbourne Victory.

A seguire si dovrebbe giocare la partita maschile che vedrà i padroni di casa affrontare i neo-arrivati in A-League McArthur Bulls nel primo dei nuovi derby di Sydney.

L’arrivo di McArthur porta il numero delle squadre di A- League da 11 a 12, eliminando così il turno “zoppo” forzato l’anno scorso dall’ingresso dei neroverdi del Western United, e porta così anche a Sydney, come a Melbourne, una terza squadra.

In W-League invece le squadre restano 9, con l’assenza, rispetto alla competizione maschile delle neo-arrivate Western United e McArthur, dei Central Coast Mariners e della formazione neozelandese Wellington Phoenix, ma con l’aggiunta di Canberra, non presente nella competizione maschile.

Rimane come sempre fuori dai giochi la Tasmania, che ha una squadra pro solo nel cricket e in futuro nel basket.

Sia in A-League sia in W-League, la crisi sanitaria internazionale ha impedito grossi spostamenti, gli arrivi e le partenze sono pochi e i nomi di richiamo non sono molti. Forse il nome più importante in campo maschile è quello del 17 volte azzurro Alessandro Diamanti.

Un aspetto positivo di questa A-League in tono minore consta nel fatto che i campionati permetteranno ai giovani di crescere in vista dei prossimi mondiali, quello maschile in Qatar nel 2022 e, soprattutto, quello femminile in casa l’anno seguente.

I calendari:

A-League
W-League

Commenti

Leave a Response

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.