Phillip Island: seconde prove libere

share on:

Aleix Espargaro davanti a tutti a Phillip Island

Lo spagnolo su Aprilia con 1’29.225 segna il miglior tempo nella seconda sessione di prove del Venerdì

Parla catalano la seconda sessione di prove libere del MotoGP di Phillip Island. Nei giorni in cui i conterranei sono in fibrillazione per l’esito del braccio di ferro tra Barcellona e Madrid, Espargaro e Marquez mettono dietro tutti in Australia.

Il miglior tempo lo ha fatto segnare il pilota dell’Aprilia che ha preceduto quello della Honda di soli 5 millesimi.

Marc Marquez, dominatore della prima sessione di libere, ha preceduto di 92 millesimi il contendente al titolo Andrea Dovizioso.

Espargaro sorridente al termine delle libere

Meglio ha fatto, rispetto al mattino, il vincitore dell’edizione 2016 del Gran Premio di Philipp Island, l’inglese Cal CRutchlow, che ha fatto segnare il quarto tempo con 1’29.329.

Il beniamino di casa Jack Miller scende dal terzo al sesto posto, mettendo dietro il migliore degli altri italiani, Andrea Iannone.

Valentino Rossi, con 1’29.977, ha finito con il dodicesimo tempo, mentre peggio è andata a Danilo Petrucci che non ha fatto meglio del diciassettesimo posto con il 1’30.269 fatto segnare.

Moto2

Così come al mattino, anche al pomeriggio il più veloce della Moto2 è stato il nipponico Nakagami, che ha migliorato di 3 millesimi il proprio miglior tempo.

Nakagami sempre davanti a tutti

Secondo lo svizzero Dominique Ägerter a ben 71 centesimi dal leader e terzo l’italiano Francesco Bagnaia a 9 decimi da Nakagami.

Moto3

Nelle prove del pomeriggio lo spagnolo della Honda Joan Mir con un 1’37.111 distrugge il miglior tempo del mattino fatto segnare dall’italiano Nicolò Bulega con 1’38.582.

Mir ha guidato gli avversari non solo in pista, ma anche in classifica

Dietro a Mir il connazionale Aron Canet a 23 centesimi di secondo, poi l’olandese Bendsneyder. Primo degli italiani Fenati con il sesto tempo, mentre il leader del mattino Bulega è terminato al nono posto.


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi