Rebels – Crusaders: la cronaca

share on:
Super Rugby Rebels Crusaders

Rebels sconfitti pesantemente in casa dai Crusaders

Quinta sconfitta consecutiva per i Rebels, a Melbourne passano i campioni in carica con un secondo tempo micidiale

Dopo quattro sconfitte consecutive, i Melbourne Rebels si sono presentati alla sfida con i primi della classe in cerca di un’insperata vittoria, ma dopo aver retto per il primo tempo, nella ripresa non hanno saputo trovare risposte ai ben più determinati Crusaders.

Il ritorno di Will Genia in cabina di regia è durato meno di un tempo, con un infortunio al ginocchio che ha costretto il mediano di mischia dei Wallabies a uscire dal campo e a indossare un tutore. Purtroppo per i Rebels, l’uscita di Genia è coincisa anche con il crollo verticale della squadra di Wesels.

Primo Tempo

Partenza spedita dei Crusaders che controllano il possesso e il territorio nel primo quarto di gioco, ma che non capitalizzano a sufficienza, nonostante due mete.

A sorpresa, primi sul tabellone sono però stati i padroni di casa che hanno convertito una punizione con Jack Debreczeni dopo soli quattro minuti di gioco.

I Crusaders sono andati a segno per due volte, prima con Tamanivalu e poi con Makalio. Entrambe le mete non sono state trasformate da Mo’unga e i risultato di 3-10 non ha premiato a sufficienza gli ospiti.

Seta Tamanivalu in meta

Nel mezzo delle due mete, i Rebels hanno addirittura rischiato di andare in meta grazie a un intercetto di Cottrell che Debreczeni non è riuscito a convertire in 5 punti grazie al provvidenziale intervento di Goodhue.

Alla mezz’ora, dopo un buon periodo nell’area avversaria, i Rebels trovano la meta del pareggio, Hodge è il più veloce di tutti a recuperare un pallone sporco a riportare in meta, Debreczeni non ha problemi a trasformare da posizione centrale ed è il momentaneo 10 pari che premia più del dovuto i padroni di casa.

Hodge provvidenziale pochi minuti dopo nell’impedire a Barrett di schiacciare in meta dopo un altro pallone sporco recuperato da Drummond e portato oltre la linea bianca dalla seconda linea All Black.

A pochi minuti dal termine della prima frazione, tegola sui Rebels, con Genia costretto a uscire per i postumi di una botta al ginocchio rimediata in un’azione qualche minuto prima. Il mediocre Ruru in campo al suo posto e subito mischia persa su introduzione Rebels, Mo’unga va per i pali e il primo tempo si conclude con i Crusaders in vantaggio 13-10.

Il momento dell’infortunio di Genia

Un vero peccato che i Rebels non siano riusciti a trattenere in Australia il capitano delle stagioni precedenti Nick Stirzacker, che avrebbe offerto un’alternativa decisamente migliore come mediano di mischia.

Secondo Tempo

Tamanivalu e Makalio confezionano la terza meta, seconda personale per il tallonatore, al quinto di gioco: ben servita da un calcio di Crotty, l’ala fa suo l’ovale in acrobazia e serve l’accorrente Makalio che percorre i rimanenti cinque metri con la grazia propria di un tallonatore in libera uscita.
Mo’unga non sbaglia ed è 20-10 per gli ospiti.

Il sorriso di Makalio alla prima doppietta in carriera

Al settimo minuto fa il suo esordio con la maglia dei Rebels il tallonatore Nathan Charles, arrivato a Melbourne solo al Lunedì dall’Inghilterra.

La difesa dei Rebels ancora sotto pressione al decimo e dopo una serie di fasi nei 22 avversari, i Crusaders passano ancora, questa volta con Goodhue che trova la linea giusta per incrociare in meta.
Mo’unga non sbaglia e il punteggio inizia farsi sostanzioso per i campioni in carica.

Quinta meta per i Crusaders con ancora Tamanivalu protagonista. L’ala percorre venti metri danzando sulla linea laterale e respingendo i tentativi di placcaggio di Ruru e Maddocks per servire la terza linea Samu. Hunt, subentrato a Mo’unga, non sbaglia dalla piazzola e sono altri sette punti per i Crusaders.

Passano pochi secondi e sul calcio di ripresa del gioco, Whitelock, Todd e Hall percorrono indisturbati il campo, con il mediano di mischia in meta. E se il punteggio era già pesante, si fa quasi imbarazzante: 41-10

I Crusaders non hanno avuto pieta di un avversario in ginocchio e sono andati a segno per altre due volte con Wyatt Crockett e Manasa Mataele nei minuti finali per chiudere sul 55 a 10.

Il tabellino

Rebels 10 (10):
Met Hodge
Trasf.: Debreczeni 1/1
Piazz.: Debreczeni 1/1

Crusaders 55 (13):
Mete: Makalio (2), Tamanivalu, Goodhue, Samu, Hall, Crockett e Mataele
Trasf.: Mo’unga 2/4, Hunt 4/4
Piazz.: Mo’unga 1/1

Note:
Ammonizioni: Hodge (R), Todd (C), Havili (C)


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.