Rebels – Sunwolves: la cronaca

share on:

Secondo tempo

I giapponesi tornano in campo con il piglio giusto e accorciano le distanze al 42°: la palla viene mossa al largo e a penetrare di potenza di pensa Tui. Lo stesso numero 8 è bravissimo a servire Masirewa lungo la linea dell’out e il neozelandese semina il panico evadendo 3 tentativi di placcaggio prima di marcare la doppietta personale. Parker questa volta non sbaglia e i nipponici si portano a -13, 28 – 15.

La partita diventa progressivamente più spezzettata e a guadagnarci sono i giapponesi. I Rebels commettono tanti falli che permettono ai Sunwolves di mantenere palla, anche se le fasi statiche rimangono sempre un’incognita. Dopo ripetuti pick and go all’interno dei 22 australiani, Tui sembra schiacciare in meta ma viene miracolosamente tenuto alto. Dalla mischia successiva c’è un nulla di fatto e i Rebels sono bravi a recuperare palla allentando di un po’ la pressione. Gli ospiti continuano a non vincere le proprie rimesse laterali e Genia allontana definitivamente la pressione con un calcio dal box dopo l’ennesima touche rubata.

I Rebels riprendono un po’ di confidenza perduta e costringono gli ospiti nei loro 22. Uscire dalla propria zona rossa si dimostra essere una sfida molto difficile per i giapponesi e Hodge è bravo a stoppare un calcio del neoentrato Timu per poi schiacciare in meta la tripletta personale. Cooper prosegue la giornata positiva e aggiunge i 2 punti del 35 – 15 al 65°.

I padroni di casa dominano la rimessa laterale e dopo che Luke Jones ha conquistato l’ennesima touche, è Genia ad intrufolarsi tra le maglie della colpevole difesa avversaria e schiaccia in mezzo ai pali dopo una corsa da 50 metri. Il compito di Cooper è facile e al 69° i Rebels dilagano sul 42 – 15.

Genia ha trascinato i Rebels

La partita si trascina verso l’80° minuto, con tanti errori da entrambi le parti. L’arbitro fa in tempo ad estrarre tre cartellini gialli a Tui (fallo professionale), Vella (entrata di solo spalla in ruck) e Magnay (placcaggio alto) prima di fischiare la fine della partita che si chiude sul 42 – 15.

 

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.