Super Rugby

Super Rugby

Il Super Rugby

Il massimo campionato di rugby a cui partecipano le squadre australiane è il Super Rugby.

Il campionato è iniziato nel 1995 con l’introduzione del professionismo nel rugby union e ha visto inizialmente partecipare 12 squadre, 3 austaliane, 4 sudafricane e 5 neozelandesi.

Nel 2006 le squadre sono salite a 14 con l’introduzione di una squadra australiana – i Western Force – e una sudafricana – le Cheetahs.

Nel 2011 una quinta squadra australiana – i Melbourne Rebels – è stata ammessa alla competizione per equiparare il numero di team per nazione a 5, suddivisi in 3 conference nazionali con un posto ai play off garantito per ogni nazione, la vincitrice di ogni conference veniva infatti ammessa ai play off a prescindere dal proprio piazzamento nella classifica generale. Le altre tre squadre venivano scelte invece a prescindere dalla loro provenienza in base al merito.

Nel 2016 il Super Rugby ha subito una radicale trasformazione:

Innanzitutto analizziamo i cambiamenti più evidenti: con l’entrata di Giappone (Sunwolves) e Argentina (Jaguares), il campionato si estende a due nuove nazioni, tre se si tiene conto che i Sunwolves, la compagine nipponica, giocherà tre partite a Singapore. Ma il numero delle squadre cresce di un’ulteriore unità per via della sesta squadra sudafricana, i Southern Kings, vero e proprio motivo che ha scatenato la rivoluzione del Super Rugby.

Il formato, con diciotto squadre diventa più complesso, dalle 3 conference si passa a 4 gruppi, suddivisi in due “regioni” quella australe con le 5 squadre australiane e le 5 neozelandesi e quella definita africana, ma che sarebbe più appropriato definire del resto del mondo, con le 6 sudafricane e le due nuove arrivate. Le regioni sono a loro volta suddivise in due conference ciascuna, Australia, Nuova Zelanda, Africa 1 e Africa 2.
Per far sì che almeno una delle tre nazioni fondatrici del Super Rugby sia presente alle finali, il regolamento dei play off è stato cambiato e dalle 6 squadre degli anni passati si è passati a 8, eliminando il turno di riposo per le due migliori in classifica assoluta. Alle finali accederanno così le quattro vincitrici delle conference, le tre migliori classificate del gruppo australe e la migliore seconda del gruppo africano. Così anche in caso di vittoria di Jaguares e Sunwolves delle rispettive conference, una sudafricana sarà presente almeno al primo turno dei play off. Per stabilire la griglia dei play off verrà compilata una classifica generale con le vincitrici delle conference ai primi quattro posti e le restanti dal quinto all’ottavo posto. Gli accoppiamenti saranno poi i consueti 1-8, 2-7, 3-6 e 5-4.