Tennis: Serena Williams sempre più regina

share on:

Serena Williams regola in due set, 6-3, 7-6 (7-5), Maria Sharapova e si aggiudica il proprio sesto Australian Open, diciannovesimo successo in un torneo del Grande Slam per l’americana

L’incontro tra numero uno del ranking, Williams, e numero due, Sharapova, è anche stato l’incontro tra due atlete che non si amano molto al di fuori del campo, e gli sguardi di ghiaccio di entrambe lo hanno testimoniato a più riprese

Williams con il sesto trofeo Australian Open - foto AO galleries
Williams con il sesto trofeo Australian Open – foto AO galleries

La determinazione di Serena Williams è stata evidente fin dai primi scambi, l’americana è apparsa a tratti condizionata da una condizione fisica non ottimale. Quando l’incontro è stato brevemente sospeso per consentire di chiudere il tetto della Rod Lever Arena e continuare la partita nonostante la pioggia, Williams si è diretta verso gli spogliatoi in un’evidente crisi di tosse. Ma al rientro in campo ha chiuso il primo set con maestria, mostrandosi più forte della tosse, provocata forse dalla fredda estate di Melbourne.
“Non mi sentivo benissimo, ” ha detto Williams in conferenza stampa a fine del match parlando della sua condizione fisica durante tutto il torneo, “ogni volta che sembravo peggiorare, stavo poi meglio, ma poi il giorno successivo mi sentivo di nuovo male, molti alti e bassi, ma ho continuato a vincere, e ora sono la campionessa, è una sensazione molto bella.”

Sharapova non si è fatta intimidire dall’aver perso il primo set e ha proseguito nel secondo ribattendo colpo su colpo all’avversaria, sul 4-5 ha salvato un match point e si è ripetuta, sempre sul proprio servizio nel tie break, quando ha salvato il secondo match point sul 4-6. Ma all’occasione successiva, su proprio servizio, Williams, dopo aver visto il proprio ipotetico diciannovesimo ace negato dall’arbitro per un net, ha chiuso la partita con determinazione.

Il servizio è stato proprio l’arma in più di Serena Williams, oltre ai diciotto aces, l’americana ha battuto più velocemente, 184 km/h di media, con un picco di 203, contro i 170 in media e un massimo di 177  per la russa, anche la percentuale di primi servizi a segno è stata nettamente a favore della numero uno al mondo, 65% contro 58%.
Continuando a spulciare i numeri, Maria Sharapova ha dimostrato più compostezza, con meno errori gratuiti, 15 contro 25, ma ciò non è bastato per scavalcare la regina del tennis mondiale.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.