Un esperimento riuscito?

share on:
Super Rugby

Ridurre le squadre di Super Rugby è stata una scelta giusta?

I numeri dicono di sì, non ce ne vogliano gli appassionati del Western Australia

A metà stagione di Super Rugby è lecito chiedersi se la riduzione da cinque a quattro squadre australiane sia stata una scelta corretta. Soprattutto dopo un turno nero dove tutte e quattro le squadre sono state sconfitte, tre delle quali in casa.
Non andiamo certo a chiedere un parere dalle parti di Perth, dove una comunità rugbistica si è trovata orfana della propria squadra dopo dieci anni nel torneo SANZAAR, ma andiamo a vedere i numeri.

Quest’anno i risultati delle squadre australiane sono stati di 15 successi in totale su 31 partite giocate:
Waratahs: 5 vittorie
Rebels: 4
Brumbies e Reds: 3

Dopo nove turni giocati nel 2017 le squadre australiane avevano vinto solo 10 partite su 37 giocate, così distribuite:
Brumbies: 3 vittorie
Force, Reds e Waratahs: 2
Rebels: 1

Se si vanno a vedere i risultati della stagione 2016, concedendo al 2017 le attenuanti dell’incertezza provocata dalla disastrosa gestione della vicenda della riduzione delle squadre, il risultato non cambia molto, il numero di vittorie è lo stesso del 2018, 15, ma distribuito su 39 partite (38%), contro il 48% di successi negli incontri di questa stagione.

Nel 2014 le vittorie complessive in Super Rugby delle squadre australiane furono 14 su 38 gare.

Non sono tutte rose, se fa un confronto con i risultati dell’ultima stagione con quattro squadre australiane in Super Rugby, il 2010, il risultato fu migliore con 19 vittorie in 33 incontri (57%), tra le quali anche vittorie contro le neozelandesi, Reds su Crusaders e Chiefs, Western Force sugli Highlanders e Waratahs sui Blues.


Also published on Medium.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.