Vittoria netta e inutile nel quinto test delle Ashes

share on:
Cricket - Michael Clarke

L’Australia saluta le Ashes, Clarke e Rogers con una vittoria senza appello

È bastato un inning all’Australia per battere l’Inghilterra di 46 punti, ma la serie era già decisa.

Dopo un primo inning da 481 punti, l’Australia ha eliminato per due inning consecutivi tutti i battitori inglesi per un totale di 435.

La serie 2015 non passerà certo agli annali della storia del cricket australiano come un evento da ricordare, tre sconfitte nette, una delle quali al limite dell’umiliazione con uno degli inning più miseri della storia: il primo del quarto test a Trent Bridge conclusosi con 60 all out.

Ma a restituire un po’ di dignità alla spedizione inglese, è arrivata una vittoria convincente nella quinta partita, dove l’Australia ha costretto l’Inghilterra al follow on (a battere cioè per il proprio secondo inning subito dopo aver concluso il primo) e ha chiuso con un inning d’anticipo.

I giocatori inglesi rendono omaggio a Clarke

La partita ha segnato il cambio della guardia nella posizione di capitano con Steven Smith, il vice, che ha segnato 145 punti, e il dimissionario Michael Clarke fermo a un misero 15.

L’altro giocatore al ritiro, Chris Rogers, ha chiuso la propria carriera internazionale con 43 punti e un bottino totale per la serie di 95, 10, 173, 49*, 52, 6, 0, 52. Una prova, come tutta quella australiana in chiaroscuro che ha comunque fruttato al giocatore il titolo, assieme all’inglese Joe Root, di migliore della serie.

Chris Rogers premiato come giocatore della serie assieme a Joe Root

Ma la conclusione delle Ashes non segna la fine del cricket giocato tra le due rivali, la prossima settimana si giocherà un Twenty20 e dal 3 al 13 Settembre si giocherà una serie di cinque partite da un giorno, disciplina in cui l’Australia si è laureata campione del mondo nel Marzo scorso.

I risultati completi su ESPN Cricket

Commenti

1 Comment

Rispondi