Wallaroos al sesto posto mondiale

share on:
Wallroos Canada Coppa del Mondo

Wallaroos sconfitte nella finale per il quinto posto dal Canada

Troppo veloce il Canada per un’Australia volenterosa ma monodimensionale e penalizzata dall’indisciplina

Australia e Canada sono solite affrontarsi ai vertici del rugby sevens, dove le due squadre si sono sfidate spesso per il primo posto, nel gioco a XV entrambe le nazionali hanno meno pedigree, ma la sfida di Belfast per il quinto posto mondiale è stata una bella dimostrazione del potenziale di entrambe.

Il Canada ha fatto perno una difesa ordinata e una mischia dominante e ha saputo sfruttare meglio la velocità del reparto arretrato, mentre l’Australia, molto potente nel pick and go, non ha trovato altri modi di aggirare la difesa avversaria che la percussione centrale, una mancanza di fantasia che, sommata alla terribile indisciplina, è costata la gara e con essa il quinto posto mondiale.
Dopo un buon inizio le Wallaroos hanno faticato a contenere le avversarie e, complici due cartellini gialli stupidi, hanno ceduto il controllo della gara alle avversarie.

Primo Tempo

Inizio gara nettamente a favore dell’Australia che h dominato il possesso e ha messo sotto pressione la difesa canadese fin dal calcio d’inizio.
Dopo quattro minuti di attacchi continuati Riordan, servita da passaggio velo di Hewson ha segnato la prima meta dell’incontro.

All’undecimo minuto di gioco, il Canada ha avuto modo di giocare l’ovale per la prima volta e l’ha utilizzato nel modo migliore: riportandolo in meta con Zussman al termine di una bellissima azione corale in velocità.

L’insperato pareggio ha dato coraggio alle canadesi che hanno iniziato a manovrare di più, ma la difesa australiana ha retto bene ai loro attacchi.

Al ventesimo Patu ha segnato la seconda meta Wallaroos dopo una bella azione sul lato sinistro dell’estremo Trehene e ha riportato l’Australia in vantaggio.

Vantaggio che è durato però solo pochi minuti, con il Canada in meta grazie a Thornborough dopo un’azione sulla destra che ha trovato la difesa australiana completamente scoperta.
Da lì in poi il match ha preso una piega diversa.

Le Wallaroos si sono trovate in inferiorità numerica alla mezz’ora, quando Clough è stata mandata dietro la lavagna per un placcaggio alto su Belchos.
Con una giocatrice in meno l’Australia non ha perso la compostezza in difesa e sugli sviluppi dell’azione successiva Alarie è andata in meta per il vantaggio canadese.

La superiorità numerica è valsa un’altra meta al Canada che ha segnato con Paquin dopo un raro errore di Hewson che ha sbagliato il calcio di liberazione dai propri 22 metri.
Ma nell’azione precedente al calcio di Hewson, Patu si è resa colpevole di una pedata in mischia aperta a Menin e si è guadagnata anch’essa un cartellino giallo, lasciando solo 13 Wallaroos in campo per i minuti finali del primo tempo.

Il Canada è andato in meta ancora una volta al 38′, ma un in- avanti di Miller ha invalidato la segnatura, lasciando il risultato 24-12 all’intervallo

Secondo Tempo

Le Wallaroos hanno resistito i primi sei minuti della ripresa in inferiorità numerica difendendo con i denti la propria linea di meta.

Il Canada ha segnato con Zussman la propria quinta meta a termine di una bellissima azione in velocità dove l’estremo ha ben combinato con la terza linea Paquin.

La reazione australiana si concretizza in una serie di fasi a ridosso dell’area di meta canadese che sono però ancora una volta neutralizzate dalla difesa delle foglie d’acero.

L’Australia paga però ancora l’indisciplina, quando al 63mo minuto Campbell commette un fallo di mestiere sulla linea di meta. Con un avanti in più le canadesi optano per la mischia e hanno la meglio.
La mischia australiana soffre e concede loro la sesta meta: il numero 8 Russell non deve far altro che schiacciare l’ovale dopo che le proprie compagne hanno spinto le avversarie indietro di cinque metri.

Ancora in inferiorità numerica, con le gambe pesanti e il morale a terra, le Wallaroos hanno concesso ancora alle avversarie di andare in meta con l’ennesima azione in velocità ispirata dall’onnipresente terza linea Paquin e conclusa da Alarie.

Il Tabellino

Australia 12 (12):

Mete: Riordan, Patu
Trasf.: Hewson 1/2

Canada 43 (24):

Mete: Zussman (2), Thornborough, Alarie (2), Russell
Trasf.: Miller 2/5, Burk 2/2

Cartellini: Clough (Australia) 30′- 40′. Patu (Australia) 36′ – 46′, Campbell (Australia) 63′-73′

Migliore in campo: Paquin (Canada)

Commenti

Rispondi