Wallaroos sconfitte a Auckland

share on:
Wallaroos Black Fern Auckland

Wallaroos in miglioramento ma il gap è ancora palese

L’Australia gioca un buon primo tempo, ma non resiste al rush avversario a inizio ripresa

Dopo la partita di Sydney, le Wallaroos hanno dimostrato di essere in grado di imparare dai propri errori, la difesa sulla maul è stata molto più precisa, ma la mancanza di disciplina e la tenuta atletica sono due aree dove è ancora necessario lavorare molto.

Se il bilancio del primo tempo delle Wallaroos è stato positivo, tre mete subite e due segnate, la ripresa è stata fallimentare.
Specialmente i primi venti minuti della seconda frazione di gioco hanno visto le Wallaroos subire le avversarie senza alcuna reazione di nota.

La Cronaca

Primo Tempo:

Nei primi 5 minuti le Black Ferns hanno avuto il totale possesso dell’ovale e hanno concretizzato subito con una meta della pilone Itunu su una spinta collettiva delle avanti. Una probabile doppia mossa ha tenuto le padrone di casa con il fiato sospeso, ma il replay ha mostrato come il movimento di Itunu fosse nei limiti del regolamento.

Al dodicesimo la compagna di reparto Philippa Love ha raddoppiato in maniera simile, ma le Wallaroos hanno colpito a loro volta al sedicesimo.

La potenza di Philippa Love

La mediana d’apertura Pomare ha trovato il varco giusto dopo una serie di fasi delle avanti e ha segnato nonostante quattro avversarie tentassero di placcarle.

Ancora una volta le avanti neozelandesi hanno fatto prevalere la loro potenza e organizzazione di gioco e le seconda linea Blackwell ha schiacciato in meta al 22mo dopo una serie di azioni che hanno messo in difficoltà la difesa australiana, ricorsa in più occasioni al fallo per fermare le avversarie.

Le Wallaroos non si sono scomposte e hanno trovato la seconda meta allo scadere con il capitano Patu, mostrando alle Black Ferns di essere anch’esse in grado di segnare di potenza.
Treherne ha sostituito Robinson dalla piazzola, ma senza successo.

Al termine della frazione, come a Sydney, la Nuova Zelanda ha chiuso a quota 19 punti, ma l’Australia con le due mete segnate è rimasta in contatto con le campionesse del mondo.

Un buon break di Hamilton

Secondo Tempo:

Le Black Ferns sono partite molto forte nella seconda frazione, mettendo subito in difficoltà le Wallaroos grazie alla loro arma migliore, ma maul.

Al quinto minuto la meta è giunta però dal centro Fitzpatrick che, servita da Cocksedge ha resistito a tre tentativi di placcaggio per andare a segnare.

Fitzpatrick si fa largo tra la difesa australiana

L’Australia è stata costretta in più occasioni a ricorrere al fallo per fermare la Nuova Zelanda, e dopo l’ennesima infrazione a farne le spesse per tutte le compagne di squadra è stata la pilone Robinson.

Le Black Fern hanno approfittato subito del vantaggio numerico chiedendo la mischia sul fallo, le Wallaroos sono state quindi costrette a far uscire una tre quarti per metter in campo una pilone e la mossa ha creato lo spazio necessario a Kendra Cocksedge per segnare la quinta meta kiwi.

La mediana di mischia ha poi trasformato la propria meta per il 33-10 parziale.

Ancora una volta la superiorità numerica ha giocato a favore delle padrone di casa che sono andata nuovamente a segno grazie alla tre quarti ala  che ha schiacciato l’ovale in acrobazia.

L’Australia ha giovato finalmente di un po’ di possesso dell’ovale e di territorio ma senza riuscire a mettere mai in difficoltà la Nuova Zelanda.

Al ventiquattresimo Waniata ha ancora trovato spazio sul lato destro dell’attacco e ha segnato in velocità la propria prima meta della serata.

Le Wallaroos sono finalmente tornate a farsi vedere nella metà campo avversaria nei minuti finali e la pilone di riserva Ngaha ha segnato la terza meta australiana di potenza dopo un serie di fasi che ha visto la difesa neozelandese in difficoltà per la prima volta nella ripresa.

Ngaha di potenza per l’ultima meta dell’incontro

Tabellino

Black Ferns 45 (19):
Mete: Aldora Itunu, Philippa Love, Blackwell, Theresa Fitzpatrick, Kendra Cocksedge, , Selica Waniata
Trasf.: Kendra Cocksedge 5/7

Wallaroos 17 (10):
Mete: Trilleen Pomare, Liz Patu, Hana Ngaha
Trasf.: Emily Robinson 0/1, Sam Treherne 0/1, Fenella Hake 1/1

Ammonizione: Emily Robinson 11′ – 21′ s.t.

Commenti

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.